Quanto fa due + due?

Sono di ritorno dalla bella giornata al festival della creatività a Firenze, dove abbiamo concretizzato un bel risultato: un libro sulla formazione outdoor… La cosa più bella che ho potuto sperimentare è come all’interno di un team che funziona bene il risultato finale è molto di più della somma del valore dei singoli addendi…

vedi il video della presentazione su http://it.youtube.com/user/lapobag

Per questo ringrazio ancora Lapo, Stefania, Angela, Giovanna, Laura, Valentina e tutti gli amici coinvolti nel progetto.

E’ quello che ha detto anche Robert Dilts lunedì scorso a Bologna, dove, parlando di team generativi ci ha raccontato come sia possibile avere un risultato migliore da un piccolo team motivato, piuttosto che da un grosso team non al meglio di se.

La cosa potente è che Dilts ci ha dato degli strumenti molto efficaci per sviluppare la “generatività”, la motivazione e l’efficacia dei team, facendo in modo che il risultato sia sempre il migliore possibile.

Ed è quello che ho sperimentato anche personalmente quando, su richiesta di una collega abbiamo “creato” un modulo di un corso al telefono tra Imola e Faenza… io se mi fossi messo a pensarci da solo non sarei mai arrivato li… ma insieme si, e anche molto velocemente (140 km/h ;-))

E il tuo team è un team generativo, in grado di dare il meglio di se e di creare sempre nuove soluzioni? Se vuoi possiamo scoprire insieme come renderlo sempre più efficace!

Buona giornata e buon divertimento!

A presto!

Cambiare con creatività

Quando quest’estate mi hanno chiesto di scrivere un capitolo in un libro ho subito detto di si… primo perché è da un po’ che ci sto pensando (e ci sto anche lavorando sopra, tra una cosa e l’altra) poi perché l’argomento è uno dei miei preferiti: la formazione outdoor!

Credo infatti che nel momento nel quale vogliamo migliorarci, quando vogliamo cambiare alcune delle cose che facciamo o alcuni degli aspetti che siamo, la forza delle “prove speciali” ci possa essere di grande aiuto…

Vivere le cose in prima persona, sentirle dentro di se credo che sia uno dei modi più potenti per creare quella “traccia emotiva” che ci guiderà nella direzione che abbiamo scelto…

Guarda la presentazione del libro: http://www.psicolab.net/PLS/ se clikki sulla foto della copertina avrai poi modo sulla destra di vedere “anteprima da: Formazione outdoor estrema”, se non ti spaventa la parola “estrema” (non so quanto la barca a vela sia “estrema”) vai a leggere e buon divertimento!

Se vuoi puoi mandarmi una email con il tuo commento sul testo (info@paolosvegli.it).