“Non ce la posso fare!”

Ieri ero al telefono con un amico e, riferendosi ad un progetto che ha in mente, mi ha detto ad un certo punto:
“Non ce la posso fare!”.
Mi sono soffermato sul fatto che in realtà lui questo progetto per molti aspetti ce l’ha già fatta, e che altre cose simili le ha già portate a termine con successo.
MA in questo caso non la gestirà… perchè SA che non ce la può fare! (e se lo ricorda continuamente, giusto in caso se ne dimenticasse;-)

I risultati che otteniamo dipendono dalle opportunità che abbiamo, e non sempre possiamo determinare queste opportunità, giusto?
SBAGLIATO!-)

In realtà noi determiniamo moltissime opportunità nella nostra vita semplicemente perchè decidiamo che esistono! Il punto è che “troviamo le cose che andiamo a cercare, ma andiamo a cercare solo le cose che pensiamo che esistano”.
Quindi riuscire a creare opportunità dipende dalla nostra capacità di vederle, prima ancora di poterle cogliere.
Il nostro linguaggio ci consente di “lasciare aperta la porta” o di “chiuderla”; ci consente di avere più opzioni o di non averne affatto.

Se dico “non riuscirò MAI a portare a termine questo impegno” che cosa faccio un istante dopo? Mi attivo al mio meglio, cogliendo tutte le opportunità?
Ma se mi accorgo di tutte queste “trappole verbali”, che mi privano di opportunità reali posso veramente ampliare il mio orizzonte, allargare la mia visione e avere risultati decisamente migliori.
Di questo parleremo in particolare giovedì 27 ottobre in un incontro aperto al pubblico (vedi qui maggiori dettagli)