Sintonizzarci con gli altri

Sintonizzarci con gli altri

Estratto della trasmissione su radio RCB “Pensa positivo e mettilo in pratica”.

Puntata n.122 del 2 dicembre 2014.

Una volta avevo un direttore commerciale che mi esortava a cogliere cosa mi piacesse negli altri, appena li incontravo. Devo dire che è un consiglio che mi è sempre tornato utile, e che alla fine, a furia di metterlo in pratica sempre è diventato un mio automatismo, un’abitudine che ormai non noto nemmeno più. Ma continua a funzionare.

Infatti abbiamo detto che per piacere agli altri, per riuscire a comunicare in modo efficace con loro è una buona idea che prima andiamo a conoscere il loro mondo, chiedendogli con curiosità com’è fatto, ascoltando con attenzione e utilizzando tutte le informazioni che otteniamo.

Per fare questo tutto parte dal “connetterci” con gli altri. È come un processo di sintonizzazione, che i pionieri di PNL vedevano fare ai comunicatori efficaci.

Connetterci con gli altri prevede una fase di ascolto, nella quale “leggo” il mio interlocutore: è lento? Veloce? parla piano, forte, ha una postura eretta, morbida, sorride molto, poco, parla di lavoro o di altro.

Come interagire con gli altri: scimmie che si abbracciano

Dopodiché, capito come è fatto chi ho di fronte, posso cominciare a spostarmi verso il suo mondo (vedremo nel dettaglio come) per ora ci basta capire che si può fare, e comincio a “sintonizzarmi”, a parlare la sua lingua, a usare il linguaggio del suo mondo, i gesti e le espressioni del suo mondo, toni e volumi del suo mondo.

Tutto questo diventa più facile se prima abbiamo fatto quel meraviglioso filtro che dicevamo, se abbiamo notato cosa ci piace di più di quella persona, perché questo ci aiuterà ad andare verso di lei con interesse e curiosità. Possono essere gli occhiali, l’accento, i vestiti, la gestualità, gli hobby, le parole che usa…

Per prima cosa, nell’operazione di sintonizzarci con gli altri, cominciamo a ricevere bene il segnale che mandano loro, sollecitandolo anche in modo che sia il più completo e articolato possibile, per far sì che poi sia più facile per noi poter trasmettere messaggi nello stesso linguaggio.

Quindi oggi comincia a guardare intorno a te, nota le situazioni dove comunicare è più difficile e chiediti cosa sai del mondo dei tuo interlocutore, e come puoi avere ancora più informazioni sulla sua mappa del mondo.

Pensa positivo… e mettilo in pratica!
…godendoti ogni passo del tuo viaggio di miglioramento personale!

Ciao! Alla prossima!

Ascolta la traccia audio