Persone a referenza interna ed esterna

Estratto della trasmissione su radio RCB “Pensa positivo e mettilo in pratica”.
Puntata n.137 del 12 Gennaio 2015


Oggi parliamo di un’altra classificazione che fa la programmazione neuro linguistica rispetto alla modalità di scelta delle persone.

Persone a referenza interna

Hai presente quelli che dicono: “Devo prendere una decisione, bisogna che mi isoli e ci pensi sopra…”. Queste sono le persone che prendono le decisioni in funzione delle loro sensazioni.
Li sentirai dire parole come: “scavare dentro di me” o “concentrarmi” o “tranquillità per trovare la giusta risposta”.

Queste sono le persone che la programmazione neuro linguistica chiama “a referenza interna”, ovvero quelli che per prendere una decisione sostanzialmente devono solo guardarsi dentro.

Persone a referenza esterna

Poi vi sono quelli a referenza esterna, e queste sono le persone che dicono: “Hai cinque minuti? Ti vorrei parlare di una decisione che devo prendere”?

Sono le persone che ritengono il parere e le opinioni degli altri importantissimo. Nelle loro parole chiave ci sono termini come: “Gruppo, team, feedback, la gente…”, “cosa penserà la gente se faccio questa o quest’altra scelta?”; mentre a un referenza interna nemmeno sfiora la mente sapere cosa pensano gli altri delle sue decisioni, perché sono le sue decisioni, e riguardano solo lui e la sua pancia.

Viceversa il referenza esterna è continuamente alla ricerca dell’opinione degli altri, sono persone che, all’interno di una squadra finiscono con assumere lo stato emotivo della squadra stessa.

Team di persone a referenza esterna

Adattarsi ai meta programmi degli altri

Se hai individuato qualche persona che più evidentemente di altre ha queste caratteristiche allora ricordati che non è strano che un referenza interna dica: “Non è vero!” anche in modo abbastanza aggressivo: infatti le cose sono vere o no in funzione di quello che decidono loro, e quindi ci sta che vadano facilmente in scontro con altre persone di cui non considerano più di tanto il punto di vista.

Se capita, non prendertela, sappi che non è cattiveria, loro la vedono veramente in quel modo, con garbo e precisione possiamo fare vedere a loro anche un punto di vista diverso, arricchendo il tutto di dettagli specifici.

Viceversa abbi il massimo rispetto per il gruppo di appartenenza di una persona a referenza esterna, perché il loro gruppo è una loro estensione, loro sono molto identificati con i loro gruppi d’appartenenza. Mostrare loro entusiasmo e apprezzare le loro idee sarà molto più importante che nel caso di una persona a referenza interna.

Divertiti a esplorare i meta programmi delle persone intorno a te!

Pensa positivo… e mettilo in pratica!
Godendoti ogni passo del tuo viaggio di miglioramento personale!

Ciao! Alla prossima!


Ascolta la traccia audio della puntata qui sotto: