Ognuno fa il meglio che può con quello che ha

Fare il massimo con ciò che si ha

Ti ricordi che ogni scelta che facciamo è guidata dalla ricerca del massimo piacere possibile e del minor dolore possibile?

Uno dei presupposti della programmazione neuro linguistica è che ogni persona fa sempre le scelte migliori possibili.

Vuol dire che scegliamo sempre la cosa giusta? No, vuol dire che scegliamo sempre la cosa che ci sembra più giusta a partire dalle informazioni che abbiamo.

Facciamo il meglio che possiamo con le informazioni che abbiamo


Ognuno di noi ha delle informazioni sulla base delle quali prende le proprie decisioni, queste sono sempre le migliori possibili, cioè sono orientate al maggior piacere possibile e al minor dolore possibile per la persona.

Perché questo concetto può esserci utile nella nostra quotidianità?

Quando vediamo comportamenti che non ci piacciono e che non capiamo, possiamo prendere le distanze da quella persona, oppure cercare di capire sulla base di quali informazioni ha preso quelle decisioni e ha messo in atto quei comportamenti.

Se mi ricordo che alla base di ogni comportamento c’è un’intenzione positiva, ma che questa intenzione positiva poggia su certe informazioni, posso agire chiedendomi qual è la visione della realtà che ha questa persona.

I comportamenti sono condizionati dalle informazioni

Spesso diciamo che ci sono persone “cattive”, magari potremmo scoprire che si comportano in quel modo semplicemente perché le informazioni che hanno le conducono a quelle conclusioni.

Se, ad esempio, vedessi una persona che ruba potrei chiedermi cosa la porta a rubare, perché magari è il fatto di credere di non avere altra scelta nella vita, o magari invece è pensare che in fondo non c’è niente di male, visto che lo fanno anche molti altri in molti altri modi, o magari gli è stato semplicemente insegnato così… è una persona cattiva o è una persona con informazioni migliorabili?

Cosa vogliamo credere, che non cambieremo mai o che cambiando le informazioni disponibili i comportamenti delle persone (incluso noi stessi) cambiano?