Parlare in pubblico: stato emotivo e postura #2

Qual è la differenza che fa la differenza per parlare in pubblico efficacemente divertendosi? E sottolineo “divertendosi”?

Adesso lo vediamo. Divertendoci.

Dunque, quali sono quei piccoli dettagli, quegli accorgimenti, quei modi di pensare che fanno sì che i risultati che otteniamo siano veramente di livello top, e quindi ci consentano di fare la differenza rispetto a tutto il resto?

Molto strana la domanda che ci poniamo, il nostro cervello ci porta le risposte:

“non mi interessa fare un bel risultato se devo soffrire”.

E quindi, cos’è che ti fa stare bene davanti a una telecamera o davanti a mille persone parlando e raccontando ciò che vuoi che arrivi a loro? Primo passaggio da fare è sul nostro stato emotivo. Come ci sentiamo qua? Sul lavoro sullo stato emotivo un ruolo d’eccellenza ce l’ha la nostra postura.

Il modo nel quale teniamo il nostro corpo.

Il nostro corpo trasmette continuamente al nostro cervello informazioni e il nostro cervello elabora queste informazioni sapendo che se il nostro corpo sta in un certo modo e il nostro viso sta in un certo modo, il messaggio è:

“Va tutto bene”.

Se il nostro corpo sta in questo modo, un po’ più chiuso e il nostro viso sta un po’ più teso, non sorridente, il nostro cervello capisce che c’è qualcosa che non va.

Quindi, passaggio numero uno: metti il tuo corpo in condizioni di trasmettere al tuo cervello “Va tutto bene”.

E quindi piedi alla larghezza delle spalle, quasi paralleli, anzi mettili proprio paralleli e poi allarghi appena appena di un centimetro i talloni.

Saprai che hai fatto la cosa giusta quando sentirai, grazie a questo allargamento, le tue anche aprirsi un po’ e la tua schiena andare in postura dritta automaticamente.

Molla le ginocchia e ti metti in una postura che è solida e al tempo stesso flessibile. Capace di resistere, ma soprattutto è in grado di trasmettere solidità.

La schiena ripeto è diritta, le spalle sono aperte e i gesti sono di apertura. Sono di accoglienza, sono i gesti con i quali tu vorresti essere accolto da qualcuno che sta parlando con te.

Allo stesso modo il viso. Gli occhi sono negli occhi e se, come in questo caso, parli con una telecamera, nell’occhio. Stanno lì, perché è lì che noi raggiungiamo le persone.

E se hai tante persone le guardi. Guardi i loro occhi a turno, tutti quanti, facendo questo sorridi e sorridendo ripeto il tuo cervello sente “ok” e te la godi.

Ti metti in condizione di dare il tuo meglio facilmente.

Metti in condizione il tuo inconscio di fare emergere tutto il meglio che c’è.

Quindi, mettiti in postura, rilassa le spalle, lascia le ginocchia, sentiti bello dritto, accogliente, sorridi.

Pronto a dire tutto quello che vuoi per affascinare il tuo pubblico. Buon divertimento!

Ok, nel prossimo video vediamo quali sono altri strumenti per metterci in condizione di dare il nostro meglio in pubblico e, ah dimenticavo!

Se ti piace quest’idea dei video corsi, piccoli e gratuiti, naviga il mio sito e ne troverai degli altri.


Iscriviti alla mia newsletter per rimanere sempre aggiornato!