Devo sapere tutto quando parlo in pubblico?

Si può andare a parlare in pubblico anche se non si sa tutto ma proprio tutto dell’argomento trattato?

A volte ci creiamo delle scuse che crediamo ci giustifichino nel limitare le nostre possibilità, ma è possibile scegliere di non farlo?

Questa è proprio una bella domanda, che spesso è venuta fuori durante i miei corsi.

E’ proprio vero che dobbiamo essere dei super esperti, sapere davvero tutto dell’argomento trattato quando dobbiamo parlare in pubblico? E’ davvero fondamentale per poter riuscire a parlare bene?

La gente è convinta che se non sai tutto tu non possa andare a parlare in pubblico.


Bene, questo io lo chiamo il “primo incastro”.
Il primo incastro” perché? Perché è quella cosa che mi impedisce di fare altro, che mi impedisce di andare oltre. Se io mi convinco che prima di poter andare a parlare in pubblico devo essere un super esperto di ciò di cui vado a parlare, che devo sapere tutto, eh… quante probabilità ci sono che vada davvero a parlare in pubblico? Zero.


Si chiama scusa giustificativa! Ah io con questo sono a posto, perché sai… non so tutto, quindi non posso andare“.


Ma in realtà è davvero così? Quando mai abbiamo saputo tutto? E quando mai potremo sapere tutto? Mai.
Quindi il punto non è di saperne più di tutti o di saperne una quantità incredibile, il punto è di saper gestire quello che sappiamo rispetto a quello che non sappiamo.


Il punto è saper gestire il nostro stato d’animo quando ci troviamo di fronte a persone che potrebbe sempre capitare che per un motivo o per un altro quella cosa lì la sanno e noi no.


Questo non lo potremo gestire mai, puoi studiare un anno intero un argomento e trovi quello che ne ha studiato solo un pezzettino così ma a te proprio quello t’è scappato.
Quindi non deve mai essere il nostro obiettivo primario quello di sapere tutto. Chiaro che devi comunque andare preparato, perché se non sai un tubo è probabile che ti piglino in castagna spesso, ma l’obiettivo vero è quello di andare preparato e sapendo che puoi gestire anche i pezzi che non sai.


E questo ha molto a che fare col “come sappiamo stare“, più che con il “cosa so“.


Quindi studiate, preparatevi bene, ma preparatevi anche dal punto di vista emozionale, dal punto di vista della gestione dello stato d’animo, ad affrontare situazioni inaspettate.

E fra queste situazioni inaspettate ci potrebbe anche essere la possibilità che ti facciano una domanda su un tema che assolutamente non conosci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *